Ragazza morta in burrone, sindaco di Caccamo: ”Roberta non sarà dimenticata”

“Sono stato a casa della ragazza trovata nel burrone. Ho incontrato i genitori. Per Caccamo e’ un giorno tristissimo. Questa notizia ha sconvolto tutti. Conosco entrambe le famiglie. Sono tutte e due dedite al lavoro e i genitori hanno sacrificato tutta la loro vita per far crescere in modo onesto e leale i loro figli”. Lo afferma il sindaco di Caccamo Nicasio Di Cola che proclamera’ il lutto cittadino dopo la morte di Roberta Siragusa, 17 anni, di Caccamo il cui corpo senza vita e’ stato trovato in un burrone nella zona di Monte San Calogero. Una zona impervia dove e’ molto difficile arrivare. I carabinieri sono stati portati in quella zona dal fidanzato della ragazza Pietro Morreale 19 anni anche lui di Caccamo. “So che i due fino a ieri sera erano insieme e si trovavano con altri amici – aggiunge il sindaco – Poi non si capisce come si possa essere scatenata questa inspiegabile e assurda tragedia. Roberta non sara’ dimenticata a Caccamo e il 24 gennaio restera’ una data tristissima per il nostro comune. Qui e’ tanto affrontato il tema della violenza della donne e il femminicidio tanto che a Caccamo e’ nata un’associazione che si occupa della prevenzione sulla violenza di genere. Una panchina rossa e’ stata installata davanti alla villa comunale come simbolo contro il sangue versato. Qui a Caccamo siamo tutti sconvolti”. (ANSA)