Disabili picchiati a Licata, gip dispone carcere per tre indagati

Il gip del tribunale di AGRIGENTO, Alessandra Vella, ha emesso nei confronti dei tre licatesi, arrestati martedi’ dai carabinieri perche’ picchiavano e filmavano alcuni disabili, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. I tre sono accusati del grave reato di “tortura” introdotto nell’ordinamento con la legge 11O del 2017, dopo che l’Italia era stata sanzionata dalla Unione Europea per la mancata applicazione della Convenzione di New York del1984. L’applicazione della nuova figura di reato ha permesso di tutelare in modo piu’ completo e severo la dignita’ delle persone offese che hanno subito, oltre ai danni fisici, anche irreparabili danni morali. Il fermo di indiziato di delitto, firmato dal procuratore Luigi Patronaggio e dal pm Gianluca Caputo, era stato disposto per Antonio Casaccio, 26 anni; Gianluca Sortino, 23 anni e Angelo Marco Sortino, 36 anni. Le violenze venivano filmate e finivano poi per essere condivise sui social. (ANSA)