Tragedia nel mare di Catania, americano annega facendo surf

Tragedia nel mare di Catania: un cittadino americano ha perso la vita durante una battuta di surf nello specchio d’acuq dinanzi la “Tavernetta” nel lungomare della citta’. E’ stata una telefonata della sorella dell’uomo annegato, alla capitaneria di porto, a sollecitare le ricerche in mare dopo il ritrovamento della tavola da surf e un cappellino: le ricerche in mare e in volo della guardia costiera hanno permesso l’avvistamento del corpo senza vita da parte degli uomini in elicottero a due miglia marine dalla costa. In mare sono intervenuti anche i sommozzatori dei vigili del fuoco per il recupero del corto. Sul fatto e’ stata avviata un’indagine. Al momento non si conosce l’identita’ della persona annegata.

L’americano annegato nel mare di Aci Trezza era un militare della Us Naval Air Station di Sigonella. Lo comunica la Guardia costiera spiegando che l’intervento di ricerca in mare e’ scattata la notte scorsa. Il militare americano era uscito nel pomeriggio del giorno precedente per svolgere attivita’ sportiva a bordo della propria tavola da Sup nello specchio di mare antistante i Faraglioni dell’area marina protetta dell’Isola dei Ciclopi. L’attivita’ di soccorso coordinata dalla Guardia costiera di Catania ha visto inviati sul posto la motovedetta Cp Sar 888, il gommone A12, assieme ai battelli delle navi della Guardia costiera, Dattilo e Peluso, gia’ presenti in zona per altra attivita’ operativa. In mare sono intervenuti anche i sommozzatori dei vigili del fuoco di Catania, gli elicotteri Aw139 decollati dalla base aeromobili della Guardia costiera etnea e un elicottero Eh 101 dalla stazione elicotteri della Marina militare di Catania. I sommozzatori dei vigili del fuoco hanno ritrovato la tavola da Sup e gli effetti personali del militare americano su uno dei faraglioni. L’attivita’ di soccorso e’ proseguita per l’intera nottata e fino alle 11 circa di oggi quando, l’elicottero della Marina militare ha individuato un corpo al largo di San Giovanni Li Cuti, successivamente recuperato dalla motovedetta della Guardia costiera. (AGI)