Accuse di Arnone a 13 magistrati, gip archivia

Il Gip di Caltanissetta, Alessandra Maria Maira, accogliendo la richiesta avanzata dalla Procura, ha archiviato l’inchiesta su 13 magistrati che sono o sono stati in servizio ad Agrigento, un giornalista ed un penalista della Citta’ dei Templi aperta dopo denunce dell’avvocato Beppe Arnone. Nei suoi esposti il penalista, ricostruisce il Gip nel provvedimento, “riferendosi a episodi che lo hanno interessato, in maniera diretta o indiretta, ha censurato l’operato della magistratura che, a suo dire, avrebbe voluto insabbiare fatti estremamente gravi allo scopo di proteggere alcuni personaggi della politica o delle forze dell’ordine o comunque ritenuti vicini alla magistratura, risultando al contrario estremamente solerte nel perseguire lo stesso Arnone per fatti a lui ascrivibili”. Nelle oltre 100 pagine del provvedimento di archiviazione il Gip ricostruisce gli episodi prima di accogliere la richiesta di archiviazione del procedimento, avanzata dal Pm, e rigettare l’opposizione proposta dall’avvocato Arnone.

Nelle sue conclusioni il Gip sottolinea l’importanza della “discrezionalita’ nell’esercizio delle funzioni giudiziarie, altrimenti – osserva – i privati potrebbero non accettare le decisioni dei giudici che si discostano dalle loro affermazioni teoriche”. “Ed e’ – aggiunge il Gip – quello che succede al denunciante che mal sopporta l’adozione di decisioni giudiziarie a lui avverse, se pure le stesse siano state adottate nel pieno rispetto dei principi normativi. Questa insofferenza – chiosa il Gip – si e’ alimentata al tal punto da indurre l’Arnone a leggere e interpretare ogni decisione a lui avversa in un’ottica complottistica che vedrebbe la magistratura tutta impegnata a perseguirlo”. Il Gip chiosa decidendo per l’archiviazione dopo avere “attentamente vagliate tutte le sue rimostranze e ritenuto che in nessuno dei casi oggetto di denuncia possono ravvisarsi gli estremi dei reati ipotizzati”. (ANSA)