Badanti scomparsi a Siracusa, trovati resti umani in villa

Gli agenti della squadra mobile avrebbero trovato resti umani all’interno di una villa in contrada Tivoli, ad una decina di chilometri da Siracusa, dove sarebbero scomparsi sei anni fa Alessandro Sabatino, 40 anni e Luigi Cerreto, 23 anni, entrambi casertani. Dei due, che lavoravano come badanti presso un anziano, si persero le tracce il 12 maggio 2014. Il ritrovamento sarebbe avvenuto nella villa di Giampiero Riccioli, figlio dell’anziano che Sabatino e Cerreto assistevano. L’uomo e’ indagato per duplice omicidio.

Oggi la svolta nelle indagini: nella villa di Giampiero Riccioli, figlio dell’anziano che Alessandro e Luigi assistevano, indagato per il duplice omicidio, sono arrivati gli agenti della polizia scientifica e l’unita’ cinofila e diversi mezzi escavatori. L’attivita’ si sarebbe concentrata prima in un terreno vicino alla villa e poi all’interno della stesse casa dove i due vivevano con l’anziano. La Procura di Siracusa aveva ricostruito gli ultimi movimenti della giornata della scomparsa dei due e si concretizzo’ l’ipotesi che Alessandro e Luigi fossero stati uccisi e i loro corpi gettati in un pozzo. L’inchiesta e’ stata avocata a ottobre 2020 dalla Procura Generale di Catania, dopo la seconda opposizione alla richiesta di archiviazione presentata dal legale dei familiari.

A seguire il caso dei due badanti Federica Sciarelli che, avvertita dai famigliari, ha mandato sul posto un inviato della trasmissione Chi L’ha visto che ha seguito la vicenda in questi anni. Secondo le ipotesi investigative, ci sarebbero stati forti dissapori tra i due badanti e il figlio di quest’ultimo, Giampiero Riccioli. I due avrebbero discusso piu’ volte animatamente con Riccioli perche’ avrebbero notato vari maltrattamenti a danno dell’anziano, che sarebbe stato lasciato senza farmaci, pur avendo una cospicua pensione che gestiva il figlio. (ANSA)