Covid, proteste degli studenti nelle scuole a Palermo

Questa mattina, in diverse scuole palermitane, sono apparsi degli striscioni con scritto “senza sicurezza nessuna ripartenza”. Gli studenti e le studentesse lamentano l’incapacita’ delle istituzioni competenti di organizzare tutto in tempo, garantendo il ritorno alla didattica in presenza in piena sicurezza. “Tornando a scuola, abbiamo trovato classi che non permettono di garantire il metro di distanza previsto; assembramenti all’ingresso e all’uscita dalle scuole; connessione Wi-Fi non funzionante; trasporti pubblici inefficienti, con mezzi che mancano, sono sporchi e al cui interno si crea assembramento. La questione del trasporto sembra non essere stata considerata affatto, eppure e’ un nodo centrale visto che gli studenti si muovono prevalentemente in autobus o tram” – afferma Ana Ivanus del coordinamento studenti medi – Palermo. Oggetto di critica e’ anche la mancanza di interventi strutturali e di messa in sicurezza degli edifici scolastici. “Per quasi un anno le scuole sono rimaste chiuse – ma questo lungo periodo pare non essere stato utilizzato per svolgere lavori sulle strutture. Le condizioni delle nostre scuole non sono affatto cambiate”. “I problemi strutturali persistono da anni e in questa situazione d’emergenza mettono in difficolta’ gli studenti. Sappiamo bene che per risolvere queste problematiche servono investimenti. Lo chiediamo da anni con presidi, manifestazioni, incontri richiesti alle istituzioni. Siamo stanchi di non essere ascoltati” continua Ana Faranno (ANSA)