Governo, sindaci isole Sicilia: ci vuole sottosegretario

“Nel linguaggio comune vengono definite ‘isole minori’ perche’, da un punto di vista geografico ed infrastrutturale, le nostre realta’ vivono – e spesso subiscono – una condizione di ‘doppia insularita” Le nostre Comunita’ hanno esigenze particolari, che meritano di essere valutate con la stessa dignita’ che le Istituzioni e il Governo nazionale dedicano ad ogni altro aspetto che attiene alla vita politica, sociale ed amministrativa del Paese. Per questo motivo sosteniamo la proposta di indicare, nel nuovo Governo guidato dal presidente Mario Draghi, un sottosegretario con delega alle isole minori”. Lo dicono i sindaci delle isole della Sicilia Domenico Arabia (Santa Maria Salina), Vincenzo Campo (Pantelleria), Francesco Forgione (Favignana), Salvatore Militello (Ustica), Giacomo Montecristo (Leni), Clara Rametta (Malfa).

“Il sindaco di Lampedusa e Linosa Toto’ Martello – aggiungono – ha una profonda conoscenza delle tematiche che riguardano le esigenze e le opportunita’ di crescita e sviluppo delle nostre realta’, e’ il ‘sindaco piu’ a Sud d’Italia’ e non possiamo non tenere in considerazione il suo impegno, cosi’ come quello della Comunita’ di Lampedusa, in relazione all’emergenza umanitaria legata ai flussi migratori. La sua presenza, nella qualita’ di sottosegretario con delega alle Isole Minori, rappresenterebbe un valore aggiunto all’immagine ed al complesso e difficile impegno che attende il Governo nazionale, che a nostro avviso deve compiere ogni sforzo – anche attraverso scelte innovative e coraggiose – affinche’ nessun territorio e nessun cittadino italiano si debba piu’ sentire ‘isolato'”. (ANSA)