Rita Dalla Chiesa: ”145 mafiosi col reddito di cittadinanza, viene voglia di esplodere”

“E’ strano che nessuno avesse capito o intuito quello che stava accadendo. 145 persone sono tante. Se fosse stata una sola, o anche dieci, e allora, si sa, su certe cose c’è il silenzio, meglio non dire, meglio non vedere, meglio non sapere, ma 145 casi sono una cifra talmente grossa che evidentemente c’è una falla molto molto larga che si è aperta intorno al reddito di cittadinanza”. A dirlo all’AdnKronos è Rita dalla Chiesa, figlia del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, ucciso dalla mafia il 3 settembre del 1982, commentando l’operazione dei Finanzieri del Comando Provinciale di Palermo che hanno individuato 145 persone gravate da precedenti condanne per mafia che percepivano il reddito di cittadinanza pur non avendone diritto.

“Bisognerà scavare ancora, capire se ce ne sono altre di falle del genere, di storture intorno al Rdc – aggiunge -, buona parte dell’Italia si era ribellata al Rdc, poi si è placata con l’arrivo della pandemia, perché di fronte alla crisi lo stesso reddito poteva risultare utile per le persone che si trovavano in reali difficoltà finanziarie ed economiche, ma di fronte a 145 persone con precedenti per mafia che lo incassano, viene voglia di esplodere”. Ma, conclude Dalla Chiesa, “la mia meraviglia è che nessuno ne abbia mai saputo niente, nessuno avesse intuito o capito quello che stava accadendo intorno al reddito di cittadinanza. Di fronte a casi del genere, mi dispiace dirlo, credo ci vada di mezzo anche la credibilità delle istituzioni”. (Adnkronos)