”Se vuoi il mio parcheggio prendi il mio handicap”, presentata ad Agrigento campagna di sensibilizzazione

Presentata ieri ad Agrigento la campagna di sensibilizzazione contro l’occupazione abusiva dei parcheggi riservati ai disabili avviata già col cartello stradale “Se vuoi il mio parcheggio prendi il mio handicap”. L’iniziativa nasce dal “Tavolo tecnico di concertazione sul tema barriere architettoniche” da me istituito in seno all’Assessorato che ho il privilegio di dirigere. Alla presentazione ha partecipato come testimonial “la iena” Silvio Schembri, che su facebook ha scritto: “Al fianco dell’assessore Gianni Tuttolomondo. Perché la strada è, evidentemente, ancora lunga. E così tocca mettere dei cartelli ancora più chiari per far capire che non bisogna parcheggiare sui posti riservati ai disabili. Io ho fatto la mia proposta: a chi parcheggia senza diritto conferiamo il premio “Testa di minchia”. Che ne pensate?”.

“Ringrazio ancora una volta  il nostro sindaco Francesco Miccichè – ha scritto su facebook l’assessore Gianni Tuttolomondo -per l’attenzione che presta ad ogni criticità della nostra città, alla serietà con cui trova ogni soluzione, con cui governa Agrigento con particolare competenza, insieme ai colleghi Assessori della giunta di cui mi onoro di far parte; ringrazio il Comandante della nostra Polizia locale, Dott. Gaetano di Giovanni, impeccabile garante del rispetto delle regole con quotidiano impegno. Ringrazio gli sponsor (CAPP Cooperativa Sociale, Ortopedia Bennica Marasco, TecnoStore Agrigento e Di Salvo Gomme) che con generosità hanno patrocinato la realizzazione e la diffusione di questo video, consentendoci di non gravare sui fondi comunali, cosi da destinarli ad altre attività importanti. Ringrazio Luigi Corbino per averne curato il soggetto e la regia, tutti i tecnici, i montatori e gli attori. Ma soprattutto, concedetemelo, ringrazio i miei compagni di viaggio, le Associazioni che compongono il tavolo tecnico, uomini e donne che ogni giorno, senza se e senza ma, si spendono al fianco di chi ha bisogno (Unione Italiana Dei Ciechi e Degli Ipovedenti Sez.  Territoriale-Agrigento, Asso Nuove Ali, Caritas Diocesana Agrigento, CoopCulture, TTT – Tierra Techo Trabajo, CAPP Cooperativa Sociale, Al Kharub coop. sociale, Camminando insieme, Associazione uniti senza barriere, VitAutismo Agrigento) e con loro tutti gli agrigentini”.