Mafia: chiesto arresto capo ultras Palermo, tribunale respinge

Il tribunale del riesame di Palermo ha respinto la richiesta di arresto, per concorso esterno in associazione mafiosa, di Giovanni G, detto Johnny, ex capo degli ultras del Palermo, Brigata Rosanero. Giordano era difeso dall’avvocato Giovanni Castronovo. Secondo la procura l’indagato, in cambio della protezione della mafia nella risoluzione dei problemi che sorgevano tra le tifoserie, avrebbe assicurato decine di biglietti dello stadio ai clan. Giordano, che in passato era stato custode dello stadio, avrebbe anche tentato di essere riassunto dalla nuova dirigenza della societa’. Le indagini difensive hanno dimostrato, invece, che nessun tentativo di riassunzione e’ stato fatto da parte dell’indagato. Smontata anche l’ipotesi della cessione dei biglietti che, essendo nominativi, non potevano essere utilizzati indiscriminatamente. Inoltre i tagliandi avanzati, a disposizione degli ultras, venivano resi alla Siae, quindi non sarebbe stato possibile riassegnarli. La procura aveva gia’ chiesto l’arresto del capo ultras a marzo, ma il gip aveva respinto l’istanza. Da qui l’impugnazione al tribunale del riesame che ha confermato il provvedimento del giudice. (ANSA)