Rai, Lampedusa e Linosa nella nuova puntata di Mediterraneo

Dalle suggestioni di Parigi alla Siria in guerra, dalle scoperte archeologiche in Egitto agli squali dei mari siciliani,alle riserve naturali pugliesi. Un viaggio per ripercorrere alcune delle tappe piu’ significative, quello dell’ultima puntata della stagione di Mediterraneo, la rubrica nazionale della TgR in onda domenica 30 maggio alle 12,25 su RaiTre Si comincia dalla rinascita di Notre-Dame: a due anni dal rogo della cattedrale parigina sono stati completati gli interventi per la sicurezza, ora si pensa alla seconda fase, con i progetti definitivi per la ricostruzione del tetto e della guglia. Poi il lungo inverno siriano: bambini affamati che giocano nel fango, le tendopoli diventate acquitrini, la crisi sanitaria. E’ la vita sospesa di un paese in guerra da dieci anni. Quindi in Puglia, alla scoperta dell’incantevole natura ai piedi del Gargano. Nella riserva di Margherita di Savoia ci sono piu’ di seimila fenicotteri e sessanta specie diverse di uccelli acquatici, accanto alle saline piu’ grandi d’Europa. E poco piu’ a nord la nuova “Laguna del re”. In sommario anche una tappa nel cuore del mar Mediterraneo, con le immagini subacquee attorno alle isole Pelagie – Lampedusa e Linosa – dove si trova il “santuario” degli squali grigi. La specie e’ a rischio estinzione e c’e’ un progetto per tutelarla. Infine in Egitto: le nuove straordinarie scoperte archeologiche nella celebre necropoli di Saqqara. Piu’ di centocinquanta sarcofagi raccontano mille anni di storia. E secondo gli studiosi le sorprese non sono ancora finite.In questa stagione Mediterraneocon oltre 130 servizi trasmessi ha compiuto un viaggio entusiasmante in quattordicidiverse nazioni – dalla Francia al Libano, dalla Spagna all’Iraq, dalla Tunisia alla Giordania, da Israele al Marocco – e in undici regioni italiane.Mediterraneo, curata da Rino Cascio,Nicola Alosie Lidia Tilotta, e’ una rubrica storica della TgR. Domenica concludera’ il suo ventinovesimoanno. Viene realizzata a Palermo dalla TgR Sicilia, in collaborazione con le altre testate Rai e con il canale francese France 3. (ANSA)