Disabili, progetto ”Bloom again” per minori ipo e non vedenti

Bloom again, ossia rifiorire. E’ il nome del progetto finanziato in Sicilia, Campania, Lazio, Toscana e Lombardia dall’Uici nazionale e da ‘Con i Bambini’ nell’ambito del Fondo per il contrasto della poverta’ educativa minorile. Il fine e’ di promuovere l’inclusione dei minori con disabilita’ visiva e disabilita’ aggiuntive, fornendo loro gli strumenti per gestire e vivere in maniera produttiva ed efficace la propria quotidianita’, conquistare autonomia e superare le barriere culturali e sociali. “In Sicilia – ha spiegato Gaetano Renzo Minincleri, presidente regionale dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti – stiamo concludendo la prima fase che prevedeva la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti delle scuole.I corsi avevano lo scopo di dare loro una preparazione tiflodidattica, tifloinformatica e tiflotecnica. Adesso, per concludere il primo step, sta per partire un corso d’informatica di sessanta ore per cinquanta ragazzi non vedenti e ipovedenti dagli otto ai diciotto anni con insegnanti che andranno a formarli a domicilio, con lezioni individuali. In piu’ a ciascuno di loro verra’ donato un computer portatile con ausili tifloinformatici”. Luca Grasso, responsabile del Polo Tattile Multimediale di Catania, ha sottolineato che il corso e’ “mirato alla conoscenza della tifloinformatica e all’uso dei suoi strumenti peculiari: computer con display Braille, sistemi di sintesi vocale, screen reader, software di ingrandimento, stampanti Braille e, soprattutto, ad avere un corretto approccio a scuola nei confronti di allievi non vedenti e ipovedenti”. “La nostra finalita’ – ha aggiunto – e’ stata dunque prima di tutto quella di diffondere, oltre a indispensabili notizie su sistemi di scrittura come quello inventato da Luis Braille, anche la conoscenza delle problematiche della disabilita’ visiva e la cultura dell’inclusione. Una visione indispensabile per poter lavorare sugli scolari con questi problemi favorendo l’integrazione all’interno delle classi e della scuola. Per rifiorire. Bloom again”. (ANSA)