Cianciana, al via i lavori del primo cantiere Superbonus 110%: sarà riqualificato un condominio

Hanno preso il via a Cianciana i lavori del primo cantiere Superbonus 110%, fra i primi nella zona dei monti Sicani, per la riqualificazione energetica di un condominio di sei unità abitative che beneficerà delle agevolazioni statali previste da Ecobonus e Sismabonus  e tornerà a una nuova vita energetica con notevoli risultati in termini di sostenibilità e impatto sull’ambiente. L’operazione sarà realizzata grazie al lavoro di squadra tra lo studio di architettura Mautech, degli architetti Mauro Vella e Gaetano Alfano, in collaborazione con altre figure professionali coinvolte nel progetto e dall’impresa edile Hoper di Favara.

Il Superbonus coprirà una serie di interventi che permetteranno un miglioramento energetico dell’edificio di ben tre classi. I lavori prevedono la coibentazione delle pareti verticali e della copertura, la sostituzione dei serramenti, il risanamento della struttura (travi e pilastri), la sostituzione delle caldaie, l’installazione di un impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria e di un impianto fotovoltaico. Gli interventi di riqualificazione energetica saranno realizzati con notevoli vantaggi per il condominio che potrà beneficiare degli incentivi fiscali previsti nell’ambito del Superbonus 110% grazie al meccanismo della cessione del credito d’imposta, nella speciale formulazione dello sconto in fattura.

L’architetto Vella, dello studio Mautech, ha commentato: “Simili interventi sono possibili solo grazie a una grande sinergia tra le parti e a un grande lavoro di squadra, che coinvolge professionisti, imprese, fino ad arrivare ai singoli condomini. Gli abitanti di Cianciana, superando positivamente un primo scetticismo, si sono dimostrati molto interessati e aperti alle novità degli interventi previsti dal Decreto. L’auspicio è che il Superbonus 110% possa essere prorogato come da recenti previsioni oltre l’attuale scadenza. Prorogare il Superbonus inoltre è una grande opportunità per i nostri territori di riqualificare ed efficientare il patrimonio immobiliare, contribuendo a rilanciare, anche in questo difficile contesto, l’economia del territorio in un’ottica di sostenibilità”.