Girgenti Acque: resta in carcere solo Campione, altri 4 ai domiciliari

Il gip del tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha emesso un’ordinanza cautelare in carcere nei confronti del solo Marco Campione, personaggio chiave della maxi inchiesta “Waterloo” che, all’alba di mercoledi’, ha fatto scattare otto fermi che, comunque, non sono stati convalidati. Per altri quattro indagati sono stati disposti gli arresti domiciliari mentre due sono stati rimessi in liberta’. Oltre al sessantenne imprenditore, titolare di una catena di aziende che operano nel commercio di diversi settori, erano stati fermati: Pietro Arnone, 58 anni, amministratore unico di Hydortecne, societa’ gemella di Girgenti Acque; Calogero Patti, 53 anni, dipendente di Girgenti Acque; Angelo Piero Cutaia, 51anni, direttore amministrativo di Girgenti Acque; Gian Domenico Ponzo, 54 anni, direttore generale Girgenti Acque; Francesco Barrovecchio, 61 anni, responsabile tecnico Hydortecne; Calogero Sala, 61 anni, direttore tecnico e progettazione Girgenti Acque; Igino Della Volpe, 63 anni, membro del consiglio di amministrazione di Girgenti Acque. Della Volpe, Barrovecchio e Sala sono tornati liberi. Campione resta in carcere e Arnone, Cutaia, Patti e Ponzo sono posti ai domiciliari. Della Volpe, fermato a Taranto, e’ stato rimesso in liberta’ ieri pomeriggio dal gip del tribunale pugliese Rita Romano. Stessa decisione ha adottato il giudice di Verbania Elenia Cerotti, oggi per Barrovecchio. Infine la decisione del gip Provenzano, chiamato a decidere sui sei indagati fermati ad Agrigento, che ha disposto il carcere solo per Campione. Secondo l’accusa l’ex presidente di Girgenti Acque avrebbe organizzato una rete di professionisti, politici, pubblici funzionari, uomini delle istituzioni e delle forze dell’ordine, corrompendoli o, comunque, asservendoli, con la distribuzione di posti di lavoro e incarichi per familiari e amici. (ANSA)