Pensioni, Damiano: assurdo tornare a rigidità Fornero

“Se la Commissione per la Programmazione Economica di palazzo Chigi, costituita da Bruno Tabacci, obbedisse alla logica secondo la quale si chiamano i tecnici quando ci sono da fare ‘le scelte impopolari’, saremmo sulla strada sbagliata. Nessuno capirebbe. Soprattutto se ci si riferisse ancora una volta al sistema pensionistico. Ma noi non crediamo che questa sia l’ispirazione di Draghi”. Lo dichiara Cesare Damiano, gia’ ministro del Lavoro e consigliere Inail. “Siamo convinti, al contrario – continua – che si tratti di fare scelte ‘popolari’ se vogliamo che la transizione abbia anche un carattere sociale e che non aumentino diseguaglianze e fragilita’. Per questo, se parliamo di previdenza, in vista del superamento di Quota 100 bisognera’ trovare una misura di flessibilita’ alternativa piu’ efficace e meno discriminante perche’ sarebbe assurdo tornare alla rigidita’ antistorica della legge Monti-Fornero. La forza del Pnrr e’ basata sulle scelte di investimento, non di rigore; di rilancio ed espansive e, quindi, popolari: sulla transizione ecologica, digitale, infrastrutturale e sociale. Sarebbe inimmaginabile muoversi in senso contrario sul Welfare, attuando misure impopolari e restrittive che colpirebbero i piu’ deboli: no grazie, abbiamo gia’ dato”. “Le 8 salvaguardie degli esodati, con le quali dopo il 2012 abbiamo mandato in pensione 150mila lavoratori, sono la dimostrazione di quanto fossero sbagliate le scelte effettuate sulle Pensioni al tempo del Governo Monti. Adesso si tratta di scrivere una pagina completamente diversa”, conclude. (AGI)