Strage Nassiriya, figlio vittima: “Crisi Afghanistan rinnova dolore”

L’anniversario della strage di Nassiriya “rinnova il dolore di una ferita mai rimarginata, una sofferenza, pero’, sempre accompagnata da un grande orgoglio per l’eroico sacrificio di mio padre che, come i suoi commilitoni caduti nello stesso eccidio, era consapevole del pericolo che correva, ma non si e’ sottratto all’esercizio del dovere fino in fondo, fino all’estremo sacrificio”. Con queste parole, Marco Intravaia, figlio del vicebrigadiere dei carabinieri Domenico, ricorda la strage del 12 novembre 2003, durante le commemorazioni per il diciottesimo anniversario. “Questa ricorrenza – aggiunge – ha un sapore ancora piu’ amaro, troppo doloroso l’eco di quel che e’ accaduto e che sta accadendo in Afghanistan e, a volte, lo sconforto ha il sopravvento. Ma poi penso a mio padre e a tutti gli altri caduti all’estero nella lotta al terrorismo e so che, esattamente come tutti i militari attualmente impegnati nelle missioni internazionali, rifarebbero le stesse scelte, perche’ soltanto facendo bene il proprio dovere e servendo con fedelta’ lo Stato, potremo donare un mondo e una societa’ migliori ai nostri figli”.

I caduti a Nassiriya, prosegue Intravaia, “cosi’ come tutti coloro che hanno immolato la vita alla Patria, possono essere definiti eroi. Eroi che sono padri, figli e mariti con le loro fragilita’ e paure, ma che non si lasciano mai sopraffare da esse, onorando, quotidianamente, il giuramento prestato alla Repubblica”. Stamane alle 8.45, al cimitero monumentale di Monreale, deposizione corona di alloro sulla tomba del vicebrigadiere Domenico Intravaia. Alle 10, a Palazzo Orleans il presidente della Regione, accompagnato dal generale dei carabinieri Rosario Castello, comandante Legione Carabinieri Sicilia, e da quello dell’Esercito, generale Angelo Scardino, comandante Esercito in Sicilia, depone una corona di alloro sulla lapide commemorativa. Alle 11 Messa in cattedrale officiata dall’arcivescovo Corrado Lorefice. (AGI)