Migranti irreperibili, Cedu cancella ricorsi contro Italia

La Corte europea dei diritti umani (Cedu) ha cancellato dal ruolo i ricorsi di 21 migranti contro l’Italia perche’ gli avvocati che li rappresentavano hanno detto di non avere piu’ contatti con loro, o non hanno risposto alle richieste della Corte di Strasburgo che domandava se lo fossero. In tutte le decisioni di cancellazione appare la stessa frase, “non si conosce il luogo dove si trovi il ricorrente”. La Corte di Strasburgo ha specificato che, per certi ricorsi, e’ una prassi normale domandare ai legali se siano ancora in rapporto con i loro assistiti. La Cedu infatti non puo’ pronunciarsi su un caso se questo criterio non e’ rispettato, e deve invece cancellarlo. I ricorsi in questione erano giunti a Strasburgo tra il 2017 e 2019. Alcuni erano di migranti che affermavano di essere minori e che lo Stato italiano ha considerato maggiori, inviandoli quindi in centri d’accoglienza per adulti. Altri ricorrenti si lamentavano invece delle condizioni di vita nei centri di recezione, soprattutto quello di Lampedusa. (ANSA)