Mafia, tra i favoreggiatori di Messina Denaro: in carcere Agueci

Finisce in carcere Leonardo Agueci, 35 anni, che nell’agosto del 2015 fu arrestato nell’ambito dell’operazione di polizia giudiziaria Ermes che porto’ in cella unidici esponenti di vertice della famiglia di Cosa nostra trapanese che gestivano il sistema delle comunicazioni del latitante Matteo Messina Denaro. La Corte d’Appello di Palermo aveva confermato nel 2020 la condanna a 3 anni e 4 mesi di reclusione per il reato di favoreggiamento confermando le decisioni di primo grado del Tribunale di Marsala nel 2017. Agueci deve espiare la pena residua di 3 anni di reclusione per favoreggiamento personale continuato aggravato dal metodo mafioso per aver agito al fine di agevolare l’associazione mafiosa, commesso in Castelvetrano, Mazara del Vallo e Salemi fino all’anno 2016. L’arrestato, al termine delle formalita’ di rito, e’ stato tradotto presso la casa circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani. (AGI)