Esplosione a Ravanusa, colonnello Stingo: ”Scenario drammatico, si continua a scavare”

“La scena che si è presentata ai soccorritori è stata quella di un post terremoto. Un sisma del massimo grado della scala Mercalli che non ha lasciato scampo. Un’esplosione sotterranea ha ingoiato sette palazzi, che sono stati completamente rasi al suolo”. A dirlo all’Adnkronos è il colonnello Vittorio Stingo, comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, che ieri sera è giunto tra i primi a Ravanusa, dove una fuga di gas ha causato un’esplosione che ha sventrato un intero quartiere cittadino. Due finora i superstiti (due anziane sorelle), quattro le vittime accertate. Tra coloro che mancano all’appello non ci sono bambini, come invece ipotizzato in un primo momento.

“La macchina dei soccorsi si è attivata immediatamente”, racconta ancora. Sul posto i vigili del fuoco, i carabinieri con i rinforzi arrivati da Licata e i volontari della Protezione civile e della Croce Rossa. “Lo scenario che si è presentato davanti ai nostri occhi era drammatico – spiega il colonnello Stingo -. Al di là dell’esplosione, violentissima, si era sviluppato un vasto incendio difficile da domare a causa del metano che continuava a fuoriuscire. Grazie alle attrezzature in dotazione ai vigili del fuoco si è riusciti a intervenire subito e a estrarre la prima persona viva. Questa immensa gioia, però, è stata subito dopo vanificata dall’estrazione dei primi corpi senza vita”. Nelle prime fasi le ricerche sono state facilitate dalle voci.

“Le sentivamo provenire da sotto le macerie. Una volta chiuso il gas è stato possibile scavare togliendo pietra per pietra e salvare i primi superstiti”. Sul posto anche i cani molecolari, il cui intervento è reso difficoltoso dall’odore “acre e forte di gas e di bruciato che si avverte in tutta l’area”. Una zona vasta, quella coinvolta dall’esplosione e dai crolli, in pieno centro. “Non tutti gli appartamenti in quel momento erano abitati – prosegue il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento – e qualcuno potrebbe essere dentro una ‘cellula’ che lo ha protetto. La speranza di trovare ancora qualcuno in vita non ci abbandona. Non molliamo. Continuiamo a scavare”. Sul posto sono circa un centinaio i vigili del fuoco impegnati con oltre 30 mezzi e altrettanti i carabinieri arrivati da tutta la Sicilia.  (Adnkronos)