Ravanusa, carabinieri: 5 giorni prima della strage intervento su rete gas

Cinque giorni prima della strage di Ravanusa c’e’ stato un intervento di manutenzione ordinaria sull’impianto della rete di metano che non aveva evidenziato alcuna criticita’. E’ quanto hanno accertato i carabinieri che ora dovranno acquisire il verbale d’intervento per verificare chi abbia materialmente eseguito il collaudo e se sia stato fatto a regola d’arte. Nelle prossime ore gli investigatori acquisiranno il verbale di quel controllo e sentiranno chi lo ha effettuato per conto di Italgas. Per tutta la giornata di ieri sono invece stati ascoltati decine di abitanti della zona e anche i tecnici per cercare riscontri alla voce, sostenuta anche da un consigliere comunale, in base alla quale nei giorni scorsi si sarebbe sentito un odore di gas proprio nella zona in cui poi c’e’ stata l’esplosione. “Allo stato – ha pero’ ribadiro’ il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento Vittorio Stingo – nessuno ha confermato l’ipotesi di un odore di gas nei giorni scorsi. Non ci sono state segnalazioni ne’ a noi ne’ all’Italgas ne’ all’amministrazione comunale. In ogni caso continueremo a fare tutti gli accertamenti necessari per verificare questa voce”. Quanto alle cause che hanno provocato l’accumulo di gas nel sottosuolo, il colonnello ha sottolineato che al momento non e’ possibile stabilirle. “Potrebbe essere stata una frana, questa e’ una zona con una elevata fragilita’ idrogeologica, ma non e’ escluso neanche che ci possa essere una cavita’ sotterranea naturale. Non lo sappiamo ancora, lo potremo verificare quando saranno rimosse le macerie”. (ANSA)