Mollame (Lega): ”Mafiosi col reddito di cittadinanza nell’Agrigentino, inaccettabile”

“Il procuratore ed un Pm di Agrigento hanno chiesto il rinvio a giudizio per 19 presunti truffatori del Reddito di cittadinanza. Tra di loro chi ha passato 13 anni in carcere con l’accusa di essere il braccio destro del capo provinciale di Cosa nostra, la moglie di un pentito, affiliati ed un uomo condannato a 12 anni e 8 mesi per traffico di droga. E’ inaccettabile che una misura nata per chi e’ in difficolta’ o in cerca di lavoro sia percepita da delinquenti. La Lega crede che sia necessaria una revisione della norma che regola il sussidio e che l’ente piu’ idoneo preposto ad erogarlo sia quello locale perche’ conosce i cittadini e puo’ fare controlli adeguati al fine di evitare raggiri e truffe”. Lo dichiara il senatore siciliano della Lega Francesco Mollame. (ANSA)