Alessandria della Rocca, presentato progetto per Comunità Energetica Rinnovabile

La Smap spa, soggetto responsabile del Patto territoriale Magazzolo-Platani, ha presentato al Ministero dello Sviluppo Economico il Progetto Pilota intitolato “Da Nuovo Cinema Paradiso alla transizione ecologica – Lo sviluppo dell’area Magazzolo Platani: comunità resilienti tra saperi e innovazione”. Il progetto pilota comprende 51 interventi per un valore complessivo di 11.545.578 euro. In particolare, sono 38 gli interventi imprenditoriali e 13 infrastrutturali pubblici.
Tra questi progetti – viene sottolineato nella relazione – si rileva un particolare livello di innovatività nel progetto del Comune di Alessandria della Rocca Progetto finalizzato alla creazione di una Startup per l’avvio di una Comunità Energetica Rinnovabile a supporto delle imprese del territorio. Il nuovo metodo è imperniato sulla costituzione di una comunità energetica rinnovabile (CER) descritta e voluta dalla Direttiva (UE) 2018/2001, che coniuga la promozione della produzione e utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili insieme con l’uso efficace del servizio di trasporto dell’energia stessa aprendo una maglia, finora preclusa, per l’utilizzo della rete elettrica pubblica da parte di privati, piccole e medie aziende, amministrazioni comunali, per trasportare l’energia elettrica prodotta da impianti privati su linee elettriche pubbliche. Sarà possibile produrre energia elettrica in un punto della rete e consumare la stessa energia altrove, con un limite territoriale rappresentato dal perimetro di fornitura della cabina di trasformazione primaria, a monte delle cabine secondarie, che rappresentano l’ultimo anello di trasformazione dell’energia prima della distribuzione all’utenza servita in bassa tensione. In funzione di questa nuova possibilità di utilizzo della rete, il comune di Alessandria della Rocca vuole programmare la realizzazione di una serie di impianti fotovoltaici, da installare sugli edifici scolastici, dotati anche di accumulo elettrochimico, potranno insieme ottemperare alle richieste di energia elettrica degli edifici su cui saranno installati e, allo stesso tempo, partecipare al soddisfacimento delle richieste di energia elettrica proveniente dai soggetti consumatori che compongono la CER, che saranno consumatori di energia elettrica ubicati nel territorio del comune.