Ucraina, 10 profughi arrivati all’aeroporto Catania: numero di arrivi destinato ad intensificarsi

Nella serata di ieri sono arrivati nell’aeroporto di Catania 10 cittadini ucraini. Ma il numero di arrivi e’ destinato ad intensificarsi gia’ dai prossimi giorni. Ufficio emergenza Covid, Asp e Sac hanno gia’ predisposto tutti i servizi e la situazione e’ costantemente monitorata. Lo afferma in una nota la Sac, la societa’ che gestisce i servizi a terra dello scalo, dove si potenzia il servizio operativo di accoglienza per i cittadini ucraini, che saranno assistiti anche dal punto di vista sanitario grazie ad una collaborazione con Enac, Polizia di Frontiera e tutti gli Enti di Stato, Asp e Ufficio del commissario per l’emergenza Covid. “Ci siamo messi a completa disposizione delle autorita’ – affermano il presidente e l’ad ella Sac Sandro Gambuzza e Nico Torrisi – per agevolare l’accoglienza in aeroporto e i controlli sanitari per chi, disperato e spesso senza nulla, arriva nel nostro Paese per fuggire dalla guerra”. Per quanto riguarda le vaccinazioni di routine e’ offerta la possibilita’ di quelle previste in rapporto all’eta’: i cittadini che provengono dall’Ucraina potranno accedere a tutti gli ambulatori vaccinali dell’Asp di Catania. “I cittadini ucraini – afferma il direttore della Medicina della migrazione dell’Asp Renato Passalacqua – potranno anche accedere alle cure in urgenza/emergenza, sempre garantite, tramite contatto con il 118 o l’accesso diretto presso i servizi Pronto Soccorso dei presidi ospedalieri. Le cure ambulatoriali saranno anche garantite tramite gli ambulatori della Medicina della Migrazione ed Emergenze Sanitarie dell’ASP di Catania”. (ANSA)