Servizio idrico nell’Agrigentino, Cartello Sociale ad Aica: ”Recuperare risorse economiche dai comuni morosi”

Riceviamo e pubblichiamo nota del Cartello Sociale della Provincia di Agrigento “in merito ai comuni morosi nei confronti di AICA”.

”Ammontano ad oltre € 800.000 le utenze non pagate dai Comuni per servizi già ricevuti nelle proprie strutture (sedi municipali, scuole e strutture varie). A tal proposito il Cartello Sociale della provincia di Agrigento scrive una lettera aperta al consiglio di amministrazione AICA per conoscere quali azioni intende porre in essere per il recupero di queste risorse economiche non proprio modeste. Non comprendiamo, sottolineano i rappresentanti del Cartello, perché un cittadino magari disoccupato viene immediatamente diffidato e nei suoi confronti si avviano le procedure di riscossione coatta mentre ai Comuni è consentito di non pagare.
Così come annunciato nella manifestazione davanti la prefettura due giorni fa i rappresentanti dell’ufficio diocesano di pastorale sociale, la cgil, la cisl e la uil si rivolgono a quei sindaci che pubblicamente hanno dichiarato di non voler girare le risorse ricevute in prestito dalla Regione per consentire ad AICA di poter fare fronte alle spese impellenti, per sapere i motivi di tali ritardi e stigmatizzano il comportamento dei comuni morosi, come ad esempio: il Comune di Raffadali che ha un debito per bollette non pagate per circa 75.000 euro; il Comune di Licata circa 120.000 euro, il Comune di Palma di Montechiaro per 140.000. Il Cartello, inoltre, torna a fare un appello ai Comuni che hanno già avuto le risorse di seguire l’esempio del Comune di Montevago che nella giornata di ieri ha versato le risorse economiche per €.75.000 ricevute dall’assessorato e girate appunto ad AICA. Il Cartello Sociale, come promesso, la settimana prossima se non riceverà riscontro da parte dei Comuni che hanno ricevuto i soldi e che non hanno proposto la relativa delibera al consiglio comunale manifesteranno davanti la sede di ogni singolo Municipio. Nel frattempo si attende con fiducia il confronto che, sotto la regia della Prefettura, dovrebbe vedere seduti allo stesso tavolo i Sindaci che con il loro comportamento hanno dimostrato di credere nel futuro dell’Azienda Consortile e gli assessori regionali interessati, quello all’Energia e quello alle Autonomie Locali”.