Eraclea Minoa, partono i lavori anti erosione: ecco l’ordinanza del sindaco sulla circolazione stradale (VIDEO)

“Considerato che da qualche giorno è stato realizzato il cantiere per i lavori di ripascimento della spiaggia e che la prossima settimana inizieranno con la posa dei blocchi di cemento che saranno trasportati con i camion; Considerato altresì che le strade di Eraclea Minoa sono strette e che per poter transitare i veicoli di cui sopra occorre interdire la sosta in ambo i lati; ordina, con decorrenza dal 21settembre 2022, il divieto di sosta dalle ore 06,30 alle 18,30 dal lunedì al venerdì nelle seguenti vie di Eraclea Minoa; via Poseidone ambo i lati; via Minosse lato destro senso di marcia fino all’incrocio con la via Artemide (lato sinistro già regolamentato); via Artemide incrocio via Eracle ambo i lati; via Artemide dall’incrocio di via Eracle all’arenile lato sinistro (lato destro già  regolamentato); via Eracle dall’incrocio di via Artemide all’incrocio con la via Dedalo lato destro senso di marcia (lato sinistro già regolamentato);via Dedalo ambo i lati fino alla SP30. La Polizia Locale e tutte le forze di Polizia sono incaricate di far rispettare la presente ordinanza”.

E’ quanto si legge in un’ordinanza del sindaco di Cattolica Eraclea, Santino Borsellino, che su facebook oggi ha scritto: ”Con immenso orgoglio possiamo annunciare l’effettivo inizio dei lavori per il ripascimento e antierosione ad Eraclea Minoa. Questa mattina, i primi mezzi ed i primi operai hanno presenziato il cantiere nella zona balneare. Un momento che, dopo tanti rinvii dovuti alla farraginosa burocrazia, ci riempie di orgoglio e gratifica l’impegno che abbiamo profuso. Corre l’obbligo di ringraziare quanti hanno permesso il raggiungimento di questo obiettivo: l’Assessorato territorio ed ambiente, il commissario di governo per il dissesto idrogeologico, e tutti gli enti che in sinergia hanno collaborato. Un giorno storico. Eraclea Minoa ha un futuro!”.

Da un punto di vista tecnico, l’intervento – programmato dal commissario di governo per il dissesto idrogeologico, Maurizio Croce, che in questi anni è intervenuto con progetti simili in diverse zone della Sicilia – prevede la realizzazione di tre pennelli costituiti da massi ciclopici e il ripascimento della spiaggia con la sabbia che sarà prelevata dal porticciolo turistico di Siculiana Marina, mai attivato e insabbiato. Il tratto di litorale che verrà recuperato procede da Capo Bianco verso est per una lunghezza di circa due chilometri e comprende anche il boschetto che si trova a pochi metri dalla spiaggia. Ad eseguire le opere sarà la Thetis Costruzioni srl di Ferrara, che si è aggiudicata l’appalto con un ribasso del 26,2 per cento e per un importo di poco superiore ai due milioni e duecentomila euro. L’obiettivo è frenare il fenomeno dell’erosione costiera, che negli anni ha causato un sensibile arretramento dell’arenile consentendo al mare di aggredire alcuni tratti della retrostante pineta e le attrezzature turistiche.