Sessanta denunce nel cassetto, assolto maresciallo carabinieri in servizio ad Aragona

Assoluzione perche’ il fatto non costituisce reato ovvero per mancanza di dolo: il giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Katia La Barbera, ha prosciolto un maresciallo dei carabinieri, Alberto Lestini, 56 anni, finito a processo con l’accusa di avere tenuto nel cassetto, per anni, 61 denunce che avrebbe dovuto trasmettere alla Procura della Repubblica perche’ procedesse con le indagini. A denunciare l’allora ex vice comandante della stazione di Aragona fu un carabiniere che segnalo’ che dal 2012 al 201, giacevano decine di denunce presentate dai cittadini su cui non era stata mai informata la magistratura. Nei confronti di Lestini scatto’ l’accusa di omessa denuncia da parte di pubblico ufficiale. Sia il pubblico ministero Antonella Carrozzieri che il difensore, l’avvocato Alfonso Neri, hanno sostenuto che non era stato commesso alcun reato perche’ “le notizie di reato oggetto delle denunce, perlopiu’ relative a furti in appartamento o danneggiamenti, riguardavano fatti commessi da ignoti o comunque senza la querela di parte”. (AGI)