Manovra, Landini: fatte proposte ma governo non ascolta

“Noi le proposte le abbiamo fatte nell’unico incontro avuto con il governo e in questo momento il governo non ci ascolta e non abbiamo tavoli su cui fare discussioni”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini in un’intervista al Tg3. “Noi le proposte le abbiamo avanzate, per esempio abbiamo chiesto che il cuneo fiscale sul lavorio dipendente non sia di 2 punti ma di 5, c’e’ una mensilita’ da recuperare che e’ quella persa. Abbiamo chiesto di intervenire in modo strutturale su una riforma fiscale degna di questo nome, abbiamo detto di detassare gli aumenti dei contratti nazionali di lavoro. In tutte queste cose non siamo stati ascoltati, cosi’ come siamo per eliminare i voucher non per introdurli e siamo per una vera riforma fiscale che sia in grado di aumentare il netto in busta paga e allo stesso tempo pensiamo che servano investimenti seri per nuove politiche industriali”, ha aggiunto. Per Landini inoltre la sanita’ pubblica e’ a rischio per i tagli, la “sanita’ ha bisogno di molti investimenti invece siamo di fronte ai tagli e abbiamo bisogno di investimenti anche nella istruzione mentre noi abbiamo chiesto di prendere i soldi dove ci sono, abbiamo chiesto di tassare gli extraprofitti in un paese dove la rendita finanziaria e’ tassata meno del salario e delle pensioni. I soldi ci sono, bisogna andarli a prendere e non colpire i poveri e non affrontare la lotta all’evasone”, ha concluso Landini. (AGI)