18 Aprile 2024
Agrigento e ProvinciaCultura & Società

Dei e uomini, vita quotidiana e mestieri, tutto con i burattini: nuovo progetto per i bimbi al Museo Griffo di Agrigento

I burattini sono nati dalle mani dei bambini, e con loro hanno raccontato cento storie: scoprendo la vita quotidiana degli antichi greci, le abitudini e il cibo. Un progetto di valorizzazione bellissimo quello sviluppato da CoopCulture con il Museo internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, per il Museo archeologico “Pietro Griffo”, parte del Parco della Valle dei Templi. Un vero campus estivo che ha coinvolto i bambini di alcuni quartieri decentrati di Agrigento, e che ha portato alla nascita di un piccolo spettacolo, che sarà poi replicato anche a settembre.

Una giornalista, Alessia Franco, e una toys designer e “maestra del legno”, Claudia Barone, hanno lavorato insieme, fianco a fianco, due binari diversi di narrazione, con la voce e con le mani: i bambini hanno partecipato con gioia, ascoltando le storie, scoprendo il significato dell’antica Acropoli (che esiste ancora!), disegnando e colorando, imparando a costruire i burattini con materiali sostenibili, scoprendo la carta vetrata, le brugole e le pialle … durante un vero e proprio laboratorio di falegnameria creativa; ma scoprendo anche i principali reperti del Museo Griffo, valorizzati tramite il gioco e le narrazioni create da Alessia Franco, focalizzate sulla vita quotidiana antica e sui mestieri, sui personaggi e gli dei, col supporto iniziale degli archeologi. Sono nati così, buffi burattini, disegni colorati, sogni; un piccolo mondo di legno, protagonista dello spettacolo, che resterà nelle collezioni del Museo Griffo. Il progetto ha coinvolto i ragazzi dell’Istituto comprensivo “Salvatore Quasimodo” di Agrigento.

“Si tratta di progetti legati all’esplorazione di nuovi linguaggi di comunicazione del patrimonio e di nuove forme di inclusione – intervengono il direttore del Parco Valle dei Templi Roberto Sciarratta e il dirigente responsabile del Museo Griffo, Giuseppe Avenia – . I bambini imparano a conoscere il museo, le sue storie, i miti; e diventano nella costruzione del racconto e ad esporlo attraverso il teatro delle marionette.

È stato quindi costruito un format, facilmente esportabile in altre scuole. Il progetto è stato presentato il 13 maggio scorso in occasione della Giornata internazionale dei Musei (International museum day 2023) – Sostenibilità e benessere organizzata da ICOM: rientra proprio in questo ambito l’idea di base, ovvero che la fruizione dei musei possa essere coniugata al benessere sociale e non debba giocoforza rinunciare alla sostenibilità.