24 Giugno 2024
Agrigento e Provincia

POLITICA. Al via a Burgio il laboratorio politico del Pd dedicato ad Enrico Berlinguer

violante con alcune ragazze che partecipano al corso di formazione politicaLa questione morale, il compromesso storico, il delitto Moro, i diritti delle donne, il ruolo dei giovani nel partito.

Ha preso il via ieri, all’Hotel Feudo di Burgio, con la “lezione” di Luciano Violante il corso di formazione politica promosso dall’associazione Demos e dal Partito democratico agrigentino e dedicato ad Enrico Berlinguer a 25 anni dalla sua scomparsa.

Agli 85 giovani partecipanti oltre a Violante hanno parlato Angelo Capodicasa, il sindaco di Caltabellotta Calogero Pumilia, il deputato regionale del Pd Giacomo Di Benedetto e il presidente del Consiglio comunale di Burgio, Andrea Puleo.

violanteIl “laboratorio” politico nel bosco Rifesi di Burgio, che per Capodicasa “rappresenta un’occasione importante di formazione per i giovani, in linea con il nostro obiettivo di formare una nuova classe dirigente per il Partito democratico”, continuerà fino a domenica.

Si parlerà di come il Pd affronterà le sfide politiche del futuro.  Dalla Green Economy alle nuove tecnologie, con particolare attenzione al Mezzogiorno ed alle questioni della legalità. Tanti i relatori chiamati a formare i giovani democratici agrigentini, da Rosy Bindi, che concluderà il corso alle 17,30 di domenica, a Ignazio Marino, candidato alla segreteria nazionale del Partito Democratico, che sabato mattina tratterà le tematiche della laicità dello Stato mentre Jean Leonard Touadi affronterà i temi dell’immigrazione.

plateaOggi si discuterà di sostenibilità ambientale e del ciclo dei rifiuti in Sicilia coi parlamentari Aurelio Angelini e Massimo Scalia. Di “Un nuovo welfare per il nuovo secolo” parlerà Maria Grazia Gatti.

Poi è prevista un’escursione di “meditazione” nel bosco di Burgio, mentre anche i dirigenti del Pd agrigentino dovranno scegliere per il nuovo leader nazionale: Bersani, Franceschini o Marino?

 

 

luciano violante e roberta napoliviolante e giuffrida platea