Legge Bilancio 2018: stop spending review Regione siciliana, ok più investimenti

Soppressi i commi da 510 a 512 della legge di Bilancio 2017 riguardanti misure di riduzione della spesa regionale che la Regione siciliana si è impegnata a realizzare in applicazione dellaccordo con il Governo sottoscritto a giugno 2016. E’ quanto prevede un emendamento di Forza Italia, a prima firma Stefania Prestigiacomo, approvato oggi alla manovra in commissione Bilancio della Camera dei Deputati. Nel dettaglio, come riporta l’agenzia di stampa Public Policy, le norme cancellate prevedevano a carico della Regione una operazione di spending review con una riduzione di impegni di parte corrente non inferiori al 3% annuo, dal 2017 al 2020, con una clausola che stabiliva una trattenuta da parte del Mef delle risorse spettanti alla Sicilia in caso di mancato raggiungimento del target di spesa.

Allo stesso tempo l’emendamento ha stabilito che dal 2018 al 2022 la Regione siciliana si impegna a riqualificare la propria spesa, incrementando però gli impegni complessivi per investimenti in misura non inferiore al 2% di ciascun anno rispetto all’anno precedente. Infine l’emendamento prevede che qualora il Governo regionale si insedi dopo il 30 settembre 2017, data di scadenza per l’approvazione del bilancio consolidato 2016, il termine per lapprovazione dei documenti contabili e l’applicazione delle relative sanzioni sono rinviate al 31 marzo 2018.