Asp Agrigento: al via la campagna di vaccinazione antinfluenzale 2018-19

A lanciare la campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2018-2019 è, in prima persona, il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento Gervasio Venuti. Nell’intento di dare il buon esempio e sensibilizzare l’utenza sull’efficacia della profilassi vaccinale, anche il commissario Venuti, accompagnato dal direttore del Servizio di epidemiologia Asp, Gaetano Geraci, si è infatti sottoposto alla somministrazione del vaccino polivalente facendo così da testimonial alla spiccata validità dello strumento di prevenzione sia dell’influenza che delle sue complicanze. Le vaccinazioni sono già partite da alcuni giorni e vengono effettuate su tutto il territorio Asp presso gli studi dei medici di famiglia, dei pediatri di libera scelta oltre che in tutti i presìdi vaccinali dell’Azienda. Il servizio è gratuito per chi ha compiuto i sessantacinque anni e per i soggetti a rischio ossia adulti e bambini con patologie croniche, individui ricoverati in strutture per lungodegenti, familiari di persone ad alto rischio, operatori sanitari e di assistenza, addetti ai servizi di pubblica utilità, personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzale non umani come i veterinari e gli addetti agli allevamenti e ai macelli. In co-somministrazione con l’antinfluenzale può essere offerto il vaccino anti-pnemucoccico (per patologie quali otiti, bronchiti, meningiti, asma) ed anti-zoster secondo le modalità previste dal decreto emanato dell’Assessorato Regionale alla Salute relativamente alla campagna 2018/2019.
Il periodo indicato per la somministrazione del vaccino antinfluenzale stagionale va da ottobre a febbraio inoltrato e ciò per poter garantire livelli efficaci di copertura anticorpali nel tempo dal momento che i virus dell’influenza raggiungono l’apice della diffusione nella nostra regione dalla fine di gennaio a marzo. La trasmissione interumana si può verificare per via aerea attraverso gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce ed anche attraverso le mani contaminate da secrezioni respiratorie; ecco perché il Servizio epidemiologia Asp ricorda che una buona igiene delle mani è una pratica fortemente raccomandata. Anche coprire la bocca ed il naso quando si tossisce e si starnutisce può limitare la diffusione dell’influenza. Qualora se ne presentasse il bisogno resta raccomandato l’isolamento a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale.