”Marijuana da adolescenti aumenta il rischio depressione del 40%” secondo una nuova ricerca

Consumare marijuana da adolescenti può’ avere pesanti effetti sulla salute mentale in età adulta: un nuovo studio canadese ha osservato un aumento del 40% dei rischi di depressione da adulti tra i teenager che hanno usato cannabis. I rischi di depressione grave con ideazioni suicide da adulti, sono inoltre risultati più’ alti del 50% tra chi aveva usato marijuana da adolescente. Pubblicata su ‘JAMA Psychiatry’, la ricerca e’ stata condotta alla McGill university di Montreal da Gabriella Gobbi, psichiatra e professore: “Circa il 7% dei casi di depressione nella popolazione adulta – ha osservato l’autrice con i media Usa – e’ probabilmente legato all’uso di cannabis da adolescenti”. La nuova analisi è basata sulla revisione di 11 studi in materia, che hanno seguito un totale di 23.317 adolescenti sino all’età’ adulta. In generale, le nuove stime indicano che l’ uso di marijuana prima dei 18 anni di eta’ e’ legato ad un aumento delle probabilità’ di depressione di 1,4 volte più’ alto rispetto a chi non ha mai fumato erba, e ad un incremento dei rischi di pensieri suicidi di 1,5 volte più’ alto.  Gli ultimi dati sull’uso di marijuana tra teenager rivelano un aumento del consumo. (ANSA).