Suore scoprono di essere incinte, due casi in Sicilia

Prima la notizia di una gravidanza nel Messinese, poi quella di un episodio identico sempre in Sicilia, ma questa volta nel Ragusano. Protagoniste due suore che hanno scoperto di essere incinte, con la sorpresa di chi conosceva la loro missione nelle parrocchie di appartenenza. Il primo episodio, a Sant’Agata di Militello, riguarda una suora 34enne ospite di un convento in un piccolo convento dei Nebrodi. La donna aveva accusato forti dolori all’addome quando, con sua stessa sorpresa, ha scoperto da un’ecografia di essere incinta. La notizia e’ stata confermata da ambienti ecclesiali che hanno anche spiegato che ora la religiosa potra’ abbandonare il suo ordine religioso per fare la mamma a tempo pieno. Un episodio analogo ha sorpreso la comunita’ di un comune del Ragusano dove un’altra suora, originaria del Madagascar e responsabile di un servizio di assistenza per anziani, ha anche lei scoperto di aspettare un bambino. La notizia risalirebbe a circa un mese fa. La donna fungeva anche da madre superiora ed ha lasciato l’istituto di cui era ospite facendo ritorno nel suo paese d’origine.

Quanto accaduto in Sicilia non e’ pero’ l’unico caso in Italia. Nel 2014, a Rieti, la notizia di una suora incinta fece ben presto il giro della citta’, con un tamtam mediatico che costrinse l’ospedale locale a predisporre un servizio di sicurezza per tenere lontano i troppi occhi indiscreti. La donna, di origini salvadoregne, diede alla luce un bambino e decise di lasciare l’ordine religioso per dedicarsi anima e corpo al piccolo. Un anno dopo, nelle Marche, una novizia diede alla luce un altro bambino. Un caso che riporto’ alla memoria quello di un’altra religiosa, una 40enne di origini congolesi, che nel 2011 partori’, sempre nelle Marche, dopo aver denunciato di essere stata violentata da un sacerdote suo connazionale. Inizialmente la donna, che lascio’ i voti, decise di non riconoscere il piccolo, salvo poi cambiare idea poco piu’ di due mesi dopo ingaggiando una lunghissima battaglia legale. Battaglia terminata con una sentenza della Cassazione che le riconobbe il diritto di ripensamento riconsegnandole, tre anni e mezzo dopo, il figlio legittimo che inizialmente era stato dato in affidamento ad una coppia del Maceratese. (ANSA)