Uccise cognato per strada Palma di Montechiaro, scarcerato per scadenza termini

Il gip di Agrigento, Stefano Zammuto, ha revocato gli arresti domiciliari a Raimondo Burgio, 36 anni, di Palma di Montechiaro, fermato dai carabinieri il primo novembre dell’anno scorso con l’accusa di avere ucciso, poco prima, il cognato Ignazio Scopelliti, 45 anni, freddandolo a colpi di pistola per strada. Nei confronti dell’uomo, in considerazione del fatto che e’ trascorso un anno esatto dall’episodio e che il pm Emiliana Busto, titolare dell’inchiesta, non ha ancora concluso le indagini preliminari, e’ stata sostituita la misura cautelare con l’obbligo di dimora a Palma e l’obbligo di firma quotidiano. Essendo trascorsi dodici mesi senza arrivare al processo, infatti, non sarebbe stato possibile mantenere gli arresti domiciliari, con il braccialetto elettronico, perche’ i termini sono scaduti. “Temevo fosse armato e potesse uccidermi o fare del male a mia madre”, aveva detto al giudice, “un amico mi aveva rivelato che diceva di avere sempre un coltello con se’ e che lo avrebbe usato per uccidere mia sorella. Lo avevamo denunciato tante volte, era diventato un incubo”. (AGI)