Femminicidio nel Palermitano, autopsia conferma: Ana era incinta e aspettava un maschietto, uccisa con 10 coltellate

Arriva dall’autopsia la conferma sullo stato di gravidanza di Ana Maria Lacramioara Di Piazza, la giovane uccisa dal suo amante nei pressi di Partinico, nel palermitano. La trentenne era quasi al quarto mese di gravidanza e aspettava un maschietto. E’ quanto emerge dall’esame autoptico compiuto fino alla tarda serata di ieri sul corpo della vittima all’Istituto di Medicina legele del Policlinico di Palermo. Inoltre, il medico legale ha appurato che la donna è stata colpita da almeno dieci coltellate, quello fatala alla gola. Il suo assassino, reo confesso, Antonino Borgia di 51 anni, è in carcere come deciso dal gip del Tribunale di Palermo che ieri sera ha rigettato la convalida del fermo ma ha emesso la misura cautelare in carcere. L’inchiesta è coordinata dal Procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e del sostituto Chiara Capoluongo e condotta dai Carabinieri. (AdnKronos)