Coronavirus nell’Agrigentino, si aggrava bilancio vittime: 4 morti

Si aggrava il bilancio delle vittime del Coronavirus in provincia di Agrigento. E’ morto il 77enne di Sciacca che era stato ricoverato – dopo la scoperta dell’infezione – all’unita’ operativa complessa di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale “Gravina” di Caltagirone. Dopo qualche giorno di degenza in Terapia intensiva, oggi, il decesso per insufficienza respiratoria. Il paziente – risultato positivo al test per il Covid-19 – era affetto da gravi patologie croniche, hanno reso noto dall’Asp di Caltagirone. Appena stamani al reparto di Medicina dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Sciacca – dove era stato ricoverato per patologie pregresse – era morto il pensionato di 88 anni, anche lui risultato positivo all’esame del tampone rinofaringeo.

L’indagine epidemiologica che lo aveva riguardato era stata quella messa in atto, all’ospedale di Sciacca, dopo che s’era registrato il caso del medico 48enne che e’ stato trasferito – la donna si trova ancora ricoverata – all’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta. Durante la notte fra venerdi’ e ieri, il primo caso. La vittima era un 87enne, trasferito, dopo la diagnosi dell’infezione, all’ospedale di “Umberto I” di Enna. A queste persone deve aggiungersi anche l’esito positivo del tampone post-mortem eseguito su un settantenne che era ricoverato al reparto di Cardiologia dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento. Proprio al nosocomio agrigentino si e’ sviluppato un focolaio, probabilmente da un paziente infetto, che ha portato al contagio di un cardiologo e di un’operatrice dello stesso reparto. (AGI)