Migranti dormono in molo a Lampedusa, parroco: ”Trattati come sacchi della spazzatura”

“Come ci siamo ridotti? Quasi non ci facciamo caso, come sacchi della spazzatura. Chi puo’ intervenire e non lo sta facendo e’ colpevole”. Cosi’ il parroco di Lampedusa, Carmelo La Magra, definisce la situazione che stanno vivendo i 76 migranti costretti a dormire nel molo del porticciolo. Dice il parroco: “Ancora una volta, ancora stanotte, come se fosse un imprevisto, come se non fosse mai accaduto, una settantina di esseri umani hanno passato la notte ‘in quarantena’ sul molo. Continuiamo tutti a dire che Lampedusa non ha le strutture adatte in questa circostanza ma nulla cambia”. (ANSA)