Editoria, Giornale di Sicilia: due giorni di sciopero

Domani e dopodomani il Giornale di Sicilia non sara’ nelle edicole per uno sciopero proclamato dal Comitato di redazione. “Una decisione difficile – spiega una nota del Cdr – ma inevitabile. Da settimane siamo impegnati in un duro braccio di ferro con l’azienda che ha chiesto un incremento della riduzione dell’orario di lavoro portando gli esuberi di personale a 17 su un organico di 34. Una decisione terribile, un atto di macelleria sociale, non giustificabile nemmeno in questo momento di crisi che comunque tocca tutte le altre aziende editoriali. Ma solo la Ses, controllata dalla fondazione Bonino Pulejo, che ha acquistato il pacchetto di maggioranza del quotidiano palermitano tre anni fa, chiede sacrifici cosi’ imponenti e inaccettabili alla redazione. Rifiutando ogni altra soluzione che che pure esiste: piani di prepensionamento, esodi incentivati, trasferimento alla redazione del sito internet inspiegabilmente ancora affidato a un service esterno, in controtendenza con tutti gli altri giornali italiani e siciliani”.

“Chiusa con un nulla di fatto la consultazione sindacale in sede nazionale – prosegue la nota – si sperava ancora in un margine di trattativa possibile soprattutto adottando sulla Cassa Covid che e’ strumento che tutte le aziende in crisi stanno accettando. Ma la societa’ la accordava a condizioni improponibili: con una decurtazione dello stipendio del 41 per cento. Cosi’, la societa’ ha scelto di andare avanti e oggi ha presentato alla Regione la richiesta di confronto per il riconoscimento dello stato di crisi. Un ulteriore passo verso la Cigs a zero ore e poi l’espulsione di 17 giornalisti, 17 padri di famiglia che ogni giorno contribuiscono con i loro sacrifici e la loro professionalita’ a elaborare un quotidiano con una storia lunga e gloriosa: proprio quest’anno ha tagliato il traguardo dei 160 anni e con queste premesse rischia di essere irrimediabilmente compromesso. Fermare questo treno impazzito e’ possibile anche grazie ai i sostegni in arrivo dal governo nazionale e da quello regionale. Non ci fermeremo – conclude il Cdr – e faremo sentire le nostre ragioni ovunque sia necessario, pur rimanendo sempre disponibili a riprendere il filo della discussione e del dialogo purche’ su basi che non compromettano la sopravvivenza del giornale e delle nostre famiglie”. (AGI)