Sicilia: tensione all’Ars, botta-risposta Miccichè-Musumeci

Clima teso all’Ars sulla finanziaria dopo la relazione degli uffici dell’Assemblea che se da un lato specificano che in vigenza la manovra finanziaria si puo’ tranquillamente affrontare, dall’altro evidenziano che un eventuale accoglimento della Corte Costituzionale dell’impugnativa del CdM sulle variazioni di bilancio 2020 produrrebbe nei fatti un “buco” di 35 milioni di euro sui conti della Regione e dunque l’impatto cadrebbe sulle norme delle legge di stabilita’ sott’esame in aula. Le tensioni stanno tutte nel botta e risposta tra il presidente dell’Assemblea, Gianfranco Miccicihe’, e il governatore Nello Musumeci. Alla richiesta del Pd di evitare fughe in avanti (su tutti il deputato Antonello Cracolici) e del M5s di rinviare la manovra in commissione Bilancio, Micciche’ ha risposto rivolgendosi ai banchi del governo: “Un minimo di difficolta’ ce l’ho, non voglio rimandare la manovra in commissione perche’ non ne usciamo piu’. La cosa migliore e’ accantonare questi 30 milioni di euro con un emendamento del governo”. E rivolto all’assessore all’Economia Gaetano Armao, ha aggiunto: “Se avessimo saputo prima di quest’impugnativa avremmo risolto il problema in commissione Bilancio, invece di dovermi arrampicare sugli specchi”. E’ a questo punto che il governatore Nello Musumeci ha preso la parola: “Lei non deve arrampicarsi sugli specchi perche’ potrebbe farsi male cadendo e cadiamo tutti noi. Il governo aderisce alla linea degli uffici dell’Ars, siamo in vigenza di legge di variazioni. Se vuole sentire i capigruppo possiamo sospendere”.

Poi ha alzato i toni, assumendo le difese di Armao: “Qui nessuno ha qualcosa da nascondere, stanno venendo a galla errori, e mi limito a questo, non ascrivibili a questo governo e a questa maggioranza”. “Stare qui allo spiedo non serve all”istituzione e ai siciliani che aspettano risposte concrete: o la presidenza dell’Ars aderisce alla considerazione che fanno gli uffici dell’Ars e si va avanti o si faccia una conferenza dei capigruppo, ma non possiamo andare avanti fra le polemiche a chi la spara piu’ alta e piu’ grossa”. Secca la replica di Micciche’: “Che legge sulle variazioni di bilancio 2020 sia vigente fino a quando non si pronuncia la Corte e’ evidente, ma noi in commissione Bilancio siamo andati avanti non sapendo dell’impugnativa. Rispetto la posizione del presidente Musumeci, che in parte condivido”. E ha ripetuto: “Lo stiamo apprendendo oggi che c’e’ impugnativa, con la legge di stabilita’ gia’ in aula”. A questo punto, e’ intervenuto l’assessore Armao. “Non ho mai detto che il ricorso del CdM non ci fosse, io ho detto che c’era la delibera e non era stato notificato ricorso fino al giorno 10 (la commissione Bilancio ha approvato la manovra prima, ndr). A corroborare poi la posizione puntuale e articolare degli uffici dell’Ars, c’e’ la relazione di 5 pagine, che abbiamo depositato, del Ragioniere generale della Regione e dell’Avvocato generale”. E a Micciche’ che ha insistito sulla proposta che il governo metta in sicurezza la manovra accantonando 35 milioni, Armao ha risposto: “In bilancio sono appostati 100 milioni di euro, ben oltre le sue piu’ pessimistiche previsioni, spero siano solo previsioni”. Ma Micciche’ ha insistito: “E’ fin troppo evidente che ci troveremmo un buco di 30 mln”. Accogliendo la richiesta del governatore, la seduta e’ stata sospesa per qualche minuto. (ANSA)