Covid, in Sicilia resta alto numero nuovi casi

Resta ancora alto il numero dei nuovi positivi al Covid 19 che nelle ultime 24 ore e’ stato di 892 su 27.892 tamponi processati, con una incidenza di positivi al 3,1%, in leggera diminuzione rispetto a ieri. La regione resta nona per numero di contagi giornalieri. Le vittime sono state 22 nelle ultime 24 ore e portano il totale a 4.535. Il numero degli attuali positivi e’ di 16.403 con 409 casi in piu’ rispetto a ieri, mentre i guariti sono 461. Negli ospedali i ricoverati sono 920, 11 in meno rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 121, tre in piu’. Questa la distribuzione dei nuovi positivi nelle province: Palermo 346, Catania 201, Messina 30, Siracusa 40, Trapani 47, Ragusa 56, Caltanissetta 61, Agrigento 91, Enna 20. Secondo il monitoraggio dell’Istituto superiore di sanita’ e del ministero della Salute, relativi alla settimana 15 marzo-21 marzo sono 13 le regioni in cui si registra un Rt sopra 1. La Sicilia e’ appena sotto il valore di soglia 1, con 0,99. Proseguono intanto le vaccinazioni nell’isola con maggiori controlli nei vari hub e domani in Sicilia arrivera’ il Commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo che fara’ una visita ai centri di Messina e Catania.

E proprio nel capoluogo etneo il commissario Covid Pino Liberti ha annunciato che l’accesso nell’ex mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena sara’ consentito soltanto a chi deve ricevere la somministrazione nella fascia oraria prevista: gli altri saranno invitati a tornare quando scattera’ il loro turno. Il sindaco di Palermo ha contestato l’andamento del piano nella sua citta’: “nella Fiera del Mediterraneo – ha detto – si e’ registrato il 10% delle vaccinazioni di tutta la Sicilia, e’ l’unico presente ed e’ evidente che si crei un sovraccarico. Si potrebbe pensare alla realizzazione di impianti nelle zone della provincia metropolitana, ma questo non dipende dal sindaco, piuttosto dal fatto che il numero di vaccini, al momento, non e’ elevato”. Per accelerare la somministrazione a Palermo i sanitari del 118 affiancano i medici dell’Asp per vaccinare i fragili nelle case di riposo a Palermo e provincia. Il servizio potrebbe proseguire con i soggetti anziani con patologia che sono a casa. Intanto a Enna e provincia il 100 per cento degli ospiti di Rsa e di comunita’ protette e’ stato vaccinato grazie alla creazione di una squadra dell’Asp composta da due medici anestesisti in pensione e personale infermieristico coordinati dal direttore del distretto sanitario, Lia Mure’. Sono state 1.750 le dosi destinate a persone ‘fragili’ somministrate in 45 giorni. (ANSA)