Corse clandestine e cavalli dopati, 18 indagati nel Siracusano

Facevano video di gare clandestine di cavalli, utilizzando anche sugli animali sostanze dopanti. E’ quanto scoperto dai carabinieri di Noto, sotto la direzione dai procuratori di Siracusa Fabio Scavone e Gaetano Bono, i quali da mesi stavano svolgendo indagini tra partecipanti ed organizzatori. I militari hanno identificato complessivamente 60 persone, prevalentemente giovani, che in passato hanno preso parte alle gare e li hanno denunciati. Inoltre ieri mattina, con 61 agenti in servizio, sono state perquisite 18 persone, accedendo ad abitazioni, maneggi e scuderie di Avola, Noto e Rosolini, trovando numerosi equini maltrattati e diversi farmaci dopanti. Da quanto riportano le indagini, decine di persone si sono date appuntamento a bordo di scooter ed auto per assistere ed incitare la gara di due calessi. Gli astanti hanno scortato i cavalli in corsa sulle strade extraurbane costringendo gli automobilisti a farsi da parte, mettendo così in pericolo loro e gli stessi animali, il più delle volte dopati e percossi dai driver. (LaPresse)