Lampedusa, continua la schiusa delle tartarughe: ad oggi 220 nate

Quella in corso si profila un’estate particolarmente favorevole per la riproduzione della tartaruga sull’isola di Lampedusa dove ha deposto ben sei nidi. Oltre alla spiaggia dei Conigli infatti, la tartaruga ha visitato anche le piccole spiagge di Cala Pisana e Cala Croce. I nidi sono stati rilevati e monitorati giorno e notte dal personale della Riserva Naturale Isola di Lampedusa – gestita da Legambiente Sicilia – nell’ambito del Progetto triennale 2021/2023 di monitoraggio e tutela delle nidificazioni di Caretta caretta approvato dal Ministero della Transizione Ecologica. In queste ore stiamo assistendo alla schiusa delle uova dei due nidi deposti sulla spiaggia di Cala Croce. Ad oggi a Lampedusa sono nate 220 piccole tartarughe ed ancora vi sono i nidi della spiaggia dei Conigli in piena incubazione che si concluderà nei primi giorni di ottobre.

Sono stati rilevati i previsti parametri biometrici e tutti i neonati sono stati controllati dal personale della Riserva fino al loro arrivo in mare e molti turisti hanno avuto l’occasione di assistere, con le dovute cautele, a questo straordinario evento della natura. Alle attività di monitoraggio hanno collaborato anche gli operatori dell’Area Marina Protetta Isole Pelagie. Queste attività di monitoraggio e protezione delle spiagge e di sensibilizzazione dei turisti sono possibili anche grazie al coinvolgimento dei giovani volontari che partecipano a Lampedusa al campo organizzato da Legambiente, che inoltre ogni anno realizza in tutta Italia il programma di volontariato “tartawatchers” finalizzato proprio a identificare i nidi e a proteggerli fino al momento della schiusa.