Alimentare, una tedesca alla guida Distretto dolci Sicilia

Dall’Emilia alla Germania e ora in Sicilia alla guida del Distretto dei dolci in Sicilia. E’ la storia di Michela Fischer, donna emiliana trasferitasi nell’Isola dopo aver comprato casa a Menfi. La Fischer, oggi in pensione, ha lavorato presso il Ministero delle politiche agricole della Baviera (in Germania) e per ‘Cibus’ e ‘Tutto Food’ in Italia e ora guida il neonato Distretto dei dolci in Sicilia, uno dei 13 nuovi istituiti dalla Regione Siciliana. A “Blue Sea Land”, che si conclude oggi a Mazara del Vallo, un intero stand in piazza Mokarta e’ stato dedicato alla vetrina dei 23 Distretti siciliani: 10 c’erano gia’ e sono stati rinnovati e riconosciuti nel 2020, gli altri 13 sono di recentissima istituzione (tra gli altri c’e’ anche quello dell’olio e ‘Sicily 5.0′). Ad allestirlo l’Assessorato regionale alle attivita’ produttive che, insieme a quello dell’agricoltura e pesca, collabora a questa X edizione di “Blue Sea Land”.

“Voglio mettere a disposizione di questa terra che mi ha accolto la mia esperienza – ha detto la Fischer – il grande valore e’ quello di legare i dolci al territorio. In questa direzione la Sicilia ha una marcia in piu’: quando si parla di cannoli e cassate subito si pensa all’Isola. Oggi e’ il tempo di supportare le aziende che operano nel settore in Sicilia e il Distretto e’ un’opportunita’ straordinaria per aiuti concreti nella partecipazione a fiere specializzate, nella formazione, nell’innovazione e nel migliorare i sistemi di vendita. L’idea consortile emiliana nell’agroalimentare e’ stata di successo – ha detto ancora la Fischer – la Sicilia ha tutte le carte in regola per fare altrettanto”. Il prossimo 3 novembre si riunira’, per la prima volta, la Consulta dei Distretti, con la partecipazione dei nuovi istituiti. (ANSA)