Raffadali, il parroco: inaccettabile uccisione giovane, occorre più pazienza con figli con problemi psichici

“Conoscevo il ragazzo, la sua situazione era difficile. Lui aveva problemi psichici ed era figlio di genitori separati. Il giovane aveva assistito sin da piccolo a liti continue tra di loro. Quello che è accaduto oggi mi rattrista molto. Gesti così eclatanti sono segno di una umanità malata e disorientata che non trova più un obiettivo sano verso cui tendere. Conosco molte famiglie della mia comunità che vivono l’esperienza di figli disabili, certamente non è facile, ci vuole molta forza e pazienza, ma questo non giustifica l’uccisione di un figlio”. Lo ha detto a LaPresse padre Aldo Sciabbarrasi, parroco delle chiese Sant’Antonio di Padova e San Giacinto Giordano Ansalone di Raffadali. (LaPresse)