Servizio idrico nell’Agrigentino, quale futuro per il personale Aica: sindaci chiedono piano e mappatura dei processi organizzativi (VIDEO)

Sono trascorsi otto mesi dall’avvio della nuova gestione pubblica del servizio idrico nell’Agrigentino e non si è ancora conclusa la fase di “transizione”. Diversi i nodi ancora da sciogliere per l’Aica: dai fondi che dovrebbero sborsare i comuni al personale. E con l’Azienda Idrica Comuni Agrigentini, operativa dal 2 agosto 2021, continuano non mancare disservizi, bollette salate e lamentele dei cittadini. A proposito del personale, i sindaci hanno chiesto al cda dell’Aica di “predisporre un piano e la mappatura dei processi organizzativi”, ha spiegato il sindaco di Santa Elisabetta e presidente dell’Ati di Agrigento, Mimmo Gueli.