Scuola, ministro Bianchi a studenti di Lampedusa: ”Da voi importante voce di pace”

“Lampedusa sta offrendo un’esperienza importantissima a tutto il Paese, i ragazzi delle scuole di Lampedusa e Linosa stanno facendo sentire una voce di pace dal cuore del Mediterraneo”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi intervenendo, in collegamento web, al primo appuntamento di ‘Lampedusa, isola di pace’, l’evento promosso dall’amministrazione comunale di Lampedusa e Linosa in corso sulla più grande delle Pelagie da oggi fino a sabato 30 aprile. Stamane nell’istituto ‘Luigi Pirandello’, di fronte a circa 600 studenti, è stato presentato il progetto ‘Ambasciatori di pace’, promosso nell’ambito del progetto ‘Fami’, grazie al quale gli studenti delle scuole di Lampedusa e Linosa viaggeranno per incontrare i ragazzi di altri istituti italiani ed europei per raccontare la loro esperienza di territorio di frontiera. “Lampedusa – ha aggiunto Bianchi – deve essere il luogo in cui il nostro Paese può ritrovare un percorso di pace, e per fare questo servono ambasciatori, c’è bisogno di giovani che spieghino che la pace è l’unica via di sviluppo”. All’iniziativa sono intervenuti il sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello, il dirigente scolastico dell’istituto ‘Luigi Pirandello’ Alfio Russo, e la dirigente dell’Ufficio scolastico di Agrigento Fiorella Palumbo.

Numerosi gli ospiti provenienti da citta italiane ed europee giunti sull’isola per l’evento ‘Lampedusa, isola di pace’, che hanno partecipato all’iniziativa. Tra loro Valentina Cuppi, sindaco di Marzabotto e presidente della ‘Scuola di Pace di Monte Sole’, l’architetto Stefano Boeri, la scrittrice Kaha Mohamed Ander, l’assessore alla Cultura della Memoria ed al dialogo con le Confessioni religiose al Comune di Firenze Alessandro Martini, il rettore dell’Università di Teramo Dino Mastrocola, il giornalista Christian Elia che ha illustrato agli studenti le tappe del ‘Percorso della Pace’ di Lampedusa, da oggi online sul sito www.isoladipace.it. Bianchi ha anche rivolto un appello ai ragazzi delle scuole dell’isola: “Leggete la Costituzione – ha detto Bianchi – è un testo bellissimo. In quegli articoli c’è la nostra storia. Nella nostra Costituzione la solidarietà è il collante della comunità nazionale”. “La scuola è protagonista attiva di un percorso di formazione e di crescita che farà dei noatri studenti degli ambasciatori dell’esperienza di Lampedusa in Italia ed in Europa”, ha detto Russo. “Gli studenti di Lampedusa e Linosa devono avere le stesse opportunità e le stesse occasioni di crescita e conoscenza di tutti gli altri studenti italiani – ha detto Martello -, non possiamo più accettare disparità, vogliamo essere protagonisti… l’Erasmus deve arrivare anche a Lampedusa”. “La pace – ha concluso Martello – si costruisce passo dopo passo, è importante che i nostri ragazzi crescano avendo ben radicati i valori della solidarietà e del rispetto dei diritti umani”. (Dire)