Elezioni a Palermo, centro destra non riesce a chiudere intesa: nuovo round

“Siamo ai dettagli”, dice Gianfranco Micciche’ quando ieri sera dopo piu’ di due ore di acceso confronto esce dalla riunione del centrodestra, con i big siciliani della coalizione in conclave per trovare l’unita’ sul candidato sindaco a Palermo. Dentro la sala dell’hotel gli alleati proseguono il confronto. Poco dopo lascia anche Francesco Cascio, il candidato di Fi e Lega. Facce scure, nonostante le parole di circostanza. A nulla valgono le insistenze per fare rientrare Micciche’ nell’hotel per proseguire il confronto con Roberto Lagalla, che le prova tutte per chiudere l’accordo che non arriva quando mancano dieci giorni alla presentazione delle liste elettorali. “Ne riparliamo”, chiosa il leader di Fi in Sicilia prima di salire in auto. Oggi sono previsti altri colloqui, ma le parti rimangono ancorate nelle proprie posizioni: il nodo rimane il Musumeci bis. Fi e Lega vorrebbero chiudere l’accordo rimandando il confronto sulle regionali, FdI insiste sull’ok immediato alla ricandidatura del governatore. Sullo sfondo rimangono programma e assetti interni a Palermo qualora il centrodestra unito dovesse vincere al primo turno le comunali del 12 giugno. (ANSA)