Letterando in Fest dal 7 al 10 luglio a Sciacca: ecco il programma

Dalla pandemia ai nuovi venti di guerra, in una civiltà contemporanea con sempre meno
confini geografici: dalla sfida difficile ma pur sempre aperta di Hong Kong alle speranze
soffocate dell’Afghanistan. In mezzo: l’aggressione della Russia all’Ucraina, in un dibattito
internazionale nel quale improvvisamente tutti abbiamo imparato a parlare di Donbass e
Crimea quando, però, da quelle parti le tensioni affondano le radici nel lontano 2014.
Paola Caridi, per il quarto anno consecutivo direttrice artistica del Letterando in Fest, la
manifestazione di Sciacca giunta alla sua XIII^ edizione in programma dal 7 al 10 luglio, ha
individuato ne “Il Mondo in una Stanza” lo spunto di riflessione nel quale, per quattro giorni,
verranno calate non solo le presentazioni di diversi libri, ma anche una mostra fotografica,
conversazioni sulle cose del mondo e sugli esempi di donne straordinarie. A partire
da Serafina Battaglia: la prima testimone di giustizia siciliana che nel 1962 accusò l’assassino
del figlio Stefano, il mafioso Vincenzo Rimi. Una figura alla quale la procuratrice aggiunta di
Palermo Marzia Sabella ha dedicato un libro (Sellerio) che presenterà sabato 9 luglio alle 10
nell’Arena della Multisala Badia Grande di Sciacca. A conversare con lei sarà il
giornalista Salvatore Cusimano.
Come già anticipato nei giorni scorsi, il Letterando in Fest 2022 di Sciacca si aprirà giovedì 7
luglio con Laura Boldrini, ex presidente della Camera dei Deputati, storica attivista per i diritti
umani, che con Paola Caridi rifletterà su come porre fine al potere maschile sulle donne
durante la presentazione del libro “Questo non è normale”, edito da Chiarelettere.
Tra gli altri eventi che meritano di essere segnalati, c’è quello di domenica 10 luglio, con Cetta
Brancato e Paola Maggio che converseranno con Evelina Santangelo proponendo,
attraverso la presentazione del libro “Non solo per amore”, pubblicato da Treccani, un ritratto
di Francesca Morvillo, magistrato, moglie di Giovanni Falcone, travolta insieme al marito e
agli uomini della scorta dal tritolo di Capaci, alle 17,58 del 23 maggio del 1992.
Il Letterando in Fest 2022 si aprirà giovedì 7 luglio con la mostra dal titolo “La Guerra – (2014-
2020) di Oleksandr Glyadelov, uno dei più grandi fotografi ucraini che con i suoi scatti pone
in risalto l’indifferenza della violenza nei confronti dei destini umani. Di Afghanistan
parleranno venerdì sera Filippo Landi, Giuliano Battiston ed Emanuele Giordana. Dopo
l’inaugurazione dell’esposizione, Kateryna Filyuk e Olena Moskalenko converseranno
sull’arte visiva e nella letteratura ucraina in tempo di guerra.
Il Festival avrà un’anteprima, martedì 5 luglio alle 19 alla Lega Navale con il libro “Mazara
Rapita – Il sequestro dei pescatori” con Max Firreri e Francesco Mezzapelle e con Giovanni
Bonomo, componente dell’equipaggio del motopesca “Antartide”, tenuto sotto sequestro
insieme ad altri 17 pescatori dalle autorità libiche per 108 giorni. Tra i tanti altri ospiti presenti
al Letterando: Francesco Musolino, Dino Petralia, Irene Chias, Valentina Farinaccio, Ilaria
Maria Sala, Nathalie Handal, Michele Pipia e Mattia Corrente.
Verrà presentato poi il “Premio Ada Arcuri”, editrice del Corriere di Sciacca scomparsa un
anno fa, a cui il marito Filippo Cardinale, giornalista, e il proprietario della Multisala Badia
Grande nonché fondatore del Letterando in Fest Sino Caracappa, hanno voluto dedicare un
riconoscimento da destinare ad un giovane scrittore. La serata di consegna del premio si
svolgerà in settembre.
Il Letterando in Fest si concluderà domenica 10 luglio con Roberto Alajmo, che presenterà
“La strategia dell’Opossum”, edito da Sellerio. Nei giorni del festival sono previsti anche spazi
dedicati alla lettura per bambini in collaborazione con la libreria Ubik.
Allegato alla presente email il programma completo della manifestazione.