Turismo: la Sicilia meta preferita, una guida per conoscerla

La Sicilia si piazza in cima alla lista delle prossime mete per oltre un giovane italiano su due (57%) e il 30% ha gia’ programmato la propria permanenza in Sicilia. Lo rivela una ricerca realizzata da Birra Messina con Aigu – Associazione Italiana Giovani per l’Unesco che indaga gli aspetti che rendono la Sicilia un’icona per i Millennials, gli stessi aspetti che hanno ispirato la seconda edizione della piattaforma digitale “La Sicilia si Sente”. Ma cosa rende la Sicilia il nuovo “posto del cuore”? Lo stile di vita tipicamente siciliano e’ oggi una tendenza, un modello a cui molti si ispirano: c’e’ interesse a sperimentare il modo in cui i siciliani vivono, mangiano, lavorano, si divertono e rilassano. La Sicilia, per le sue caratteristiche, e’ amata ed apprezzata dai giovani e non solo, italiani o stranieri, e il motivo e’ semplice: una grande ricchezza tra storia, arte, cultura, mare, natura e una qualita’ della vita molto alta, tanto da essere eletta icona del “benvivere”. Proprio per portare un po’ di profumo e sapore di Sicilia in tutta Italia, Birra Messina in collaborazione con Aigu ha lanciato “Esperienze di Sicilia”: 10 esperienze da fare o luoghi da visitare, in ognuna delle 9 province siciliane, alla scoperta dello stile di vita siciliano che tanto piace ai Millennials. La raccolta e’ online da oggi ed e’ scaricabile dal portale di Aigu.

Dalla grotta sull’eremo di Santa Rosalia a Bivona (Agrigento) da cui scorgere il canale di Sicilia, alla lezione di yoga sulla terrazza naturale di Cala Manbru’, con una sosta alla spiaggia di San Leone, fino al paese-museo di Villapriolo (Enna) per finire con il concerto all’alba al teatro greco-romano di Tindari nel messinese. E ancora dalla granita al caffe’ di Noto, nel siracusano, ammirando il suggestivo corso principale della citta’ tardo barocca, al giro in barca nei dintorni di Brucoli, fino all’emozione di entrare nel laboratorio di una delle piu’ antiche famiglie di pupari palermitani, oppure la scoperta del Lago di Ganzirri vicino a Messina. L’elenco continua con una discesa nelle zolfare di Persico, una risalita dell’Etna o l’emozione di fare windsurf a punta Secca nel ragusano. “Non e’ una guida turistica e non vuole dirvi come organizzare le vostre vacanze, quali monumenti vedere e perche’ farlo – commenta Eleonora Orfano’, rappresentante regionale della Sicilia per Aigu – Abbiamo provato a raccontare 10 piccole e grandi esperienze da fare, in ognuna delle 9 bellissime province siciliane, che trasmettono la vera essenza dell’isola, capaci di far “sentire” la vera Sicilia, in tutta la sua ricchezza e bellezza”. (ANSA)