20 Giugno 2024
CronacaPolitica

Mafia, domani studenti ricordano Pio La Torre a Palermo nel 42esimo anniversario dell’omicidio

Una giornata che avra’ studenti protagonisti di un percorso dedicato alla memoria nel nome di Pio La Torre ucciso il 30 aprile 1982, insieme al collaboratore Rosario Di Salvo. Sono, infatti, i giovani che allertano sul fatto che, per loro, il fenomeno mafioso non e’ ancora estinto, anzi resta piu’ forte dello Stato. E’ il risultato emerso dal questionario sulla percezione del fenomeno mafioso, destinato ogni anno agli studenti delle scuole di secondo grado di tutta Italia che partecipano al “Progetto educativo antimafia”, arrivato alle 18sima edizione.

Un percorso che si conclude come ogni anno in occasione dell’anniversario dell’uccisione politico-mafiosa di Pio La Torre e Rosario Di Salvo, che il Centro Studi “Pio La Torre” anche quest’anno celebrera’ dalle 9.30 alle 12.30 di domani nell’aula magna “Margherita De Simone” del Dipartimento di Architettura Unipa. Una manifestazione alle quale parteciperanno anche Franco La Torre e Tiziana Di Salvo, i figli di Pio La Torre e Rosario Di Salvo, insieme alle rappresentanze istituzionali, politiche e gli studenti universitari e delle scuole che partecipano al progetto educativo antimafia che quest’anno ha avuto circa 3mila studenti per ognuna delle cinque video conferenze organizzate. Una giornata che fara’ memoria attraverso il contributo degli studenti che hanno partecipato anche a un altro dei momenti che caratterizzanola celebrazione dell’anniversario, quello della pulitura della lapide dedicata a La Torre e Di Salvo in via Li Muli.

I ragazzi della direzione didattica “Ragusa Moleti”, per esempio, porteranno un canto di legalita’ e liberta’ e un dialogo immaginario tra Pio La Torre e un mafioso, mentre quelli della direzione didattica “Ettore Arculeo” allieteranno i presenti con La poesia “Dedicata a Pio La Torre”. Sara’ presente Irene Ferrara, rappresentante universitari Unipa, ma anche gli studenti dell’Iti Vittorio Emanuele con una proiezione di foto del murale dedicato a Pio La Torre, che dal pomeriggio del 29 aprile campeggia su una delle facciate dell’Istituto. Un progetto, voluto con forza dallo stesso Istituto, diretto dal prof. Carmelo Ciringione, che ha ospitato da studente Pio La Torre, e dal Comitato “A Pio La Torre dall’Iti “Vittorio Emanuele III” presieduto da Franco La Torre. Numerosi gli interventi che seguiranno La lettura di un messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il video saluto di Pina Picerno, vice presidente del Parlamento Europeo.

Saranno presenti e porteranno il loro contributo: Loredana Introini, presidente del Centro Studi “Pio La Torre”; Vito Lo Monaco, presidente emerito del Centro Studi Pio La Torre, al quale sara’ affidato il ricordo del giornalista Angelo Meli, storico direttore della rivista “Asud’Europa”; Francesco Lo Piccolo, direttore del Dipartimento Architettura, delegato del Rettore Unipa; Alessandra Dino, delegata Unipa delle attivita’ sulla legalita’; Pietro Grasso, gia’ presidente del Senato; Paolo Fidel Mele, segretario Generale Fisac Cgil; Antonello Cracolici, presidente della Commissione Antimafia all’Ars; Alessandro Arico’, assessore regionale delle Infrastrutture e della mobilita’; il prefetto di Palermo, Massimo Mariani; il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla. Toccante, in quanto parte della storia del Centro “Pio La Torre”, sara’ il momento dedicato alla memoria del giornalista Angelo Meli, direttore ma prima ancora ideatore della rivista “Asud’Europa”, prematuramente scomparso il 29 settembre scorso, al quale e’ stato dedicato un premio rivolto alle scuole.

A consegnare i riconoscimenti saranno Roberto Gueli e Mimma Argurio, rispettivamente presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia e segretario Fisac Cgil Sicilia, organizzazioni che hanno condiviso e sostenuto La realizzazione del premio. “Un altro di quei momenti che contribuiscono a rendere La memoria pratica attiva – afferma Loredana Introini, presidente del Centro Studi “Pio La Torre” – dimostrando, a tutti quei giovani che esprimono sfiducia rispetto al fatto che La mafia possa essere sconfitta, che l’esempio di chi ci ha preceduto e che ha messo La propria vita e La propria intelligenza al servizio della comunita’ ha tracciato per tutti noi un percorso educativo e di contrasto da parte delle forze di polizia e della magistratura, che consente allo Stato italiano di potere affrontare La lotta al crimine organizzato ad altissimi livelli”.

Nel pomeriggio all’Assemblea regionale siciliana dove, alle 16 nella Sala Piersanti Mattarella, prendera’ vita il dibattito dal titolo “Chi ha paura delle leggi contro La mafia? Dall’attacco alle misure di prevenzione alla necessita’ di un contrasto internazionale”. A confrontarsi saranno: il presidente emerito del Centro studi “Pio La Torre”, Vito Lo Monaco; il presidente della Commissione Antimafia all’Ars, Antonello Cracolici; Lucio Luca, giornalista, autore del libro “La notte dell’antimafia. Una storia italiana di potere, corruzione e giustizia negata”; Franco La Torre, figlio di Pio La Torre; Ernesto Ugo Savona, direttore di Transcrime International – Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Moderera’ l’incontro il giornalista Concetto Prestifilippo. (AGI)